Our News

7 tipi di persone a cui togliere al più presto l'amicizia su Facebook

facebook cm advisorTutti i contatti dannosi su Facebook: una lista per riconoscerli ed evitarli

Eppure, anche il famoso social network nasconde delle insidie, che non sono da sottovalutare. Non tutto ciò che scorre nella home, infatti, contribuisce ad arricchire chi legge, e in alcuni casi gli status possono diventare persino seccanti e difficili da mandare giù.

Chi non ha mai letto lo status dell'amico ossessionato dalla politica, per il quale ogni scusa è buona per accendere un confronto politico; oppure quello che usa Facebook per mettersi in mostra, vantandosi magari della macchina appena acquistata o dello splendido viaggio fatto ai Caraibi. Insomma, ce n'è per tutti i gusti. In questo elenco, proposto dall' Huffington Post, vengono enumerate le categorie di "disturbatori" più comuni.

L'agroalimentare Made in Italy investe in Usa, lo spot di Silvio Muccino

Al via da pochi giorni la campagna di promozione del governo per sostenere l’acquisto di autentici prodotti italiani. Il ministro Martina: “Per l’export investiti 70 milioni di euro”
The Extraordinary Italian Taste, ovvero “lo straordinario gusto italiano”. È questo il titolo della campagna del governo a sostegno dell’agroalimentare nazionale negli Stati Uniti, Paese dove il nostro Paese esporta già cibo e vini per oltre 3 miliardi di euro l’anno ma presenta anche importanti segnali di crescita. Da pochi giorni, sugli schermi di Times Square a New York, sui più importanti network Tv Usa e in stati come Texas, Illinois e California, è in onda lo spot firmato da Silvio Muccino dove si invitano gli americani ad avere di più, comprando autentici prodotti made in Italy.

Nel 2015 cresciuto del 58% l’uso del mobile

Tra le app più scaricate quelle dedicate alla personalizzazione, news & magazine e produttività. Il report di Flurry

CM advisor APPNei sette anni in cui Flurry ha monitorato l’utilizzo delle app mobili, abbiamo visto una crescita continua, il cui trend è stato confermato quest’anno. Nel 2015 l’utilizzo di app complessivo è cresciuto del 58%. In questo contesto, definiamo utilizzo di un’app l’apertura dell’app stessa da parte di un utente che dà avvio a quella che chiamiamo una sessione. Con l’eccezione dei giochi, ogni categoria di app pubblicata è cresciuta anno su anno con personalizzazione, news & magazine e produttività sui gradini più alti del podio e una crescita a tripla cifra.

Netflix diventa la prima televisione globale

Dal lancio nel 2007 il servizio di streaming ha esteso la sua presenza, prima in Canada, poi in America Latina, Europa, Australia, Nuova Zelanda e Giappone, fino a includere oltre 60 nazioni.

Ma questa volta la tv in rete ha lanciato una vera e propria campagna di conquista delMondo, rendendo disponibili i suoi programmi contemporaneamente in oltre 130 nuovi Paesi. L'annuncio e l'attivazione del servizio sono avvenuti in occasione dell'intervento del cofondatore e CEO Reed Hastings al CES (Consumer Electronics Show) 2016, la più importante fiera mondiale dell'elettronica. «Oggi state assistendo alla nascita di un nuova rete globale di Internet tv», ha spiegato Hastings. «Con questo lancio, gli utenti di tutto il mondo, da Singapore a San Pietroburgo, da San Francisco a San Paolo, potranno guardare serie tv e film nello stesso momento. Grazie a Internet, diamo agli utenti la facoltà di decidere in piena autonomia quando e dove guardare i programmi e su quali dispositivo».

Grande interesse per il bonus per marchi e brevetti

La carica dei mille. O meglio dei mille e cento. Sono le opzioni recapitate via e-mail all’agenzia delle Entrate nei 45 giorni di fine anno per accedere al patent box: il regime fiscale agevolato per la tassazione dei beni immateriali delle imprese come brevetti, software, marchi eccetera. 

Il decreto "Patent Box" introduce un regime opzionale di tassazione per i redditi derivanti dall’utilizzo di opere dell’ingegno, di brevetti industriali, di marchi, di disegni e modelli, nonché di processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili.

Arriva la carta d’identità elettronica: ci sono anche impronte digitali e microchip

Dopo anni di sperimentazione, in Gazzetta ufficiale arriva il decreto che dà il via libera alla nuova carta d'identità elettronica per tutti: avrà un microprocessore per la memorizzazione delle informazioni utili alla verifica dell'identità e anche l'opzione sulla donazione degli organi.

Il 2016 porterà con sé una grande novità per tutti gli italiani: la nuova carta d'identità elettronica. Atteso ormai da lungo tempo e già in vigore in alcuni comuni come sperimentazione, il nuovo documento di riconoscimento sarà presto realtà in tutto il Paese. In Gazzetta ufficiale infatti è stato pubblicato il decreto che , approvato pochi giorni fa dopo essere stato approntato dal ministero dell'Interno insieme a quelli della Pubblica amministrazione e dell'Economia, indica le regole di emissione della nuova carta. La carta d'identità elettronica introduce numerose novità per il documento di riconoscimento. Oltre a dire addio al supporto cartaceo che verrà sostituito da un supporto fisico realizzato con le tecniche tipiche della produzione di carte valori, sul documento infatti è previsto un microprocessore per la memorizzazione delle informazioni necessarie per la verifica dell'identità del titolare, inclusi gli elementi biometrici, e un Pin che permetterà l'autenticazione in rete e il relativo accesso ai servizi online dedicati.