innovazione digitale, il manager entra in azienda grazie al voucher

innovationaManagerIl decreto del Ministero dello sviluppo economico del 29 luglio 2019 stabilisce i termini e le modalità di presentazione delle domande di iscrizione nell’apposito elenco dei manager qualificati e delle società di consulenza. A partire, quindi, dalle ore 10.00 del 27 settembre fino alle ore 17.00 del 25 ottobre 2019 sarà possibile presentare istanza di iscrizione all’apposito elenco tramite la procedura informatica accessibile sul sito del ministero nella sezione Voucher per consulenza in innovazione, seguendo le modalità illustrate negli allegati al medesimo decreto. Il sistema informatico è realizzato e gestito, sulla base di apposita convenzione, da Invitalia. I soggetti iscritti all’elenco potranno fornire alle imprese servizi di consulenza specialistica finalizzati a sostenere processi di innovazione negli ambiti della trasformazione tecnologica e digitale, ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi, accesso ai mercati finanziari e dei capitali.

 

I manager possono essere esperti che agiscono singolarmente oppure riuniti in una società di consulenza, la quale può già aver assunto la funzione di centro di trasferimento tecnologico in ambito del piano Industria 4.0 o di incubatore certificato di start-up innovative. Tutte le caratteristiche di cui devono essere in possesso i manager e le società di consulenza sono indicate nei decreti attuativi del “Voucher per l’Innovation Manager”.

CHIEDI ANCHE TU IL VOUCHER PER LA TUA AZIENDA

Il “Voucher per l’Innovation Manager”, infatti, è uno strumento agevolativo finalizzato a favorire la crescita di competenze manageriali delle PMI, che potranno avvalersi di figure in grado di implementare i processi di digitalizzazione che stanno permeando tutta l’economia e che non vedono, purtroppo, il nostro Paese in prima linea in molti settori. Lo strumento è quindi strettamente legato al Piano Nazionale Impresa 4.0 e si inserisce sul percorso teso a far diventare la nostra una Smart Nation. Il decreto attua quanto previsto nella legge finanziaria 2019, che ha messo a disposizione una dotazione complessiva pari a 75 milioni di euro ripartita equamente per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021, garantendo un contributo a fondo perduto, in forma di voucher, a beneficio delle micro, piccole e medie imprese, per l’acquisto di consulenze specialistiche in materia di processi di trasformazione tecnologica e digitale.

L’incentivo è pari a:
• 40.000 euro per le micro e piccole imprese nel limite del 50% della spesa sostenuta
• 25.000 euro per le medie imprese nel limite del 30% della spesa sostenuta
• 40.000 euro per le micro e piccole imprese nel limite del 50% della spesa sostenuta.

Le spese ammissibili sono quelle connesse all’utilizzo dei big data, della realtà virtuale e della realtà aumentata, all’Internet delle cose (IoT), alla manifattura additiva e alla stampa tridimensionale.